loading ...
Tap

I 150 anni dell’Italia in Catalogna

Fra qualche giorno, il 17 marzo, l’Italia compirà 150 anni, e come tutti sappiamo, ci saranno molte manifestazioni a ricordo di questa data nel nostro paese.
L’istituto italiano di cultura di Barcellona ha pensato organizzare, per l’occasione, una mostra bibliografica con il fondo librario della prestigiosa istituzione catalana ed un omaggio musicale con un programma che attinge alla produzione musicale operistica e popolare di fine Ottocento ed al classico repertorio verdiano.

Tratto dal loro sito :

In occasione del 150º dell’Unità d’Italia, avvenuta formalmente il 17 marzo 1861, l’Istituto Italiano di Cultura e la Biblioteca de Catalunya vogliono rendere omaggio allo storico evento con una mostra bibliografica di elevato interesse culturale e scientifico, che attinge al fondo librario della prestigiosa istituzione catalana con esemplari unici risalenti a varie epoche storiche. Sarà possibile ammirare il primo incunabolo stampato a Barcellona, esemplari della grammatica di Perotti, lettere di Cristoforo Colombo, manoscritti di Boccaccio e Brunetto Latini, disegni originali di Enrico Caruso e molte altre rarità stampate dal XIV secolo fino ai nostri giorni.
Alla mostra farà seguito u

istituto italiano di cultura
istituto italiano di cultura

n omaggio musicale del pianista Maurizio Colacicchi insieme al baritono Gianfranco Cappelluti, che attinge alla musica operistica e popolare di fine Ottocento e al classico repertorio verdiano.

 

 

Maggiori informazioni sul sito ell’istituto : http://www.iicbarcellona.esteri.it/IIC_Barcellona

Potete scaricare direttamente l’invito da : http://www.iicbarcellona.esteri.it/NR/rdonlyres/FD6A9B83-6F45-4541-AD0C-4E22A170E026/78691/UNITÀDITALIA3.pdf

ORE 20:00

INAUGURAZIONE MOSTRA

“150 anni dell’Unità d’Italia Italia e Catalogna. Ricezione e proiezione culturale”

Fino al 10/04/2011 Da lunedì a venerdì h. 9 – 20 – Sabato h. 9 – 14

Indirizzo di saluto del Console Generale d’Italia DANIELE PERICO

 

Comments

comments

Powered by Facebook Comments